Aiuto nella procedura di ricerca documenti in catasto

Sito NON ufficiale dell'Agenzia del Territorio. Fatto da tecnici che vi aiuteranno ad ottenere più facilmente:

 Richieste al CATASTO

 Richieste in CONSERVATORIA

 Richieste al CATASTO TAVOLARE

Scopri il mondo dei servizi on line, un team di tecnici esperti esegue per voi visure, ricerche ed ispezioni a costi imbattibili! Oppure fai Visure catastali dal tuo pc:

Visure catastali e di Conservatoria on line

Di seguito troverete alcune descrizioni per poter capire dove andare e cosa fare per risolvere un quesito, ovviamente ogni quesito ha poi la sua sfaccettatura e va rivisto singolarmente, per questo abbiamo creato un forum, dove trovi risposte per quesiti simili al tuo, oppure puoi fare la tua domanda e riceverai una risposta magari dettagliata

ACCEDI AL FORUM

Segui queste poche ma mirate istruzioni.

Catasto Fabbricati

Domanda

Risposta

Non si trova in banca dati la Planimetria Catastale - Potrebbe essere sfuggita alla digitalizzazione, bisogna rintracciare la planimetria cartacea presente al catasto, e farla meccanizzare con un foglio di osservazione all'Ufficio Relazione con il Pubblico, dopo averla cercata e trovata nella "busta", una carpetta dove sono custodite le planimetrie di ogni fabbricato, nella sezione visure tradizionali al catasto.

- Se nella "busta" non c'è la planimetria catastale, o se è indicata con uno schizzo a matita, vuol dire che non è stata mai presentata. In questo caso dovete incaricare un tecnico per presentarla per la prima volta.

   

 

Catasto Terreni

Domanda

Risposta

La superficie catastale non corrisponde a quella riportata nella visura catastale Bisogna fare intanto una visura catastale storica per capire se c'è qualche passaggio intermedio riportato male.

Bisogna quindi controllare la provenienza della particella, cioè il tipo di frazionamento con cui è stata generata, da li è possibile verificare se la superficie è uguale a quella presente nella visura catastale.

In ogni caso si può procedere alla rettifica della superficie, tramite un Tipo Particellare che va redatto da un tecnico abilitato.

 

Rintracciare i confini esatti di un lotto di terreno Quando tra il 1937 ed il 1939 si formò un unico Catasto Italiano, vennero censite tutti i lotti di terreno, che presero lo specifico nome di Particelle Catastali, vennero registrati in un apposto registro chiamato Tavola Censuaria e disegnate nei fogli di mappa (che rappresentano una determinata zona di un comune) nelle varia scale 1/4000, 1/2000 o 1/1000, partendo dalla particella 1 in alto a sinistra del foglio di mappa, fino ad arrivare alla particella nn in basso a destra. Tutte queste particelle sono denominate Particella Madre e  se avete una di queste particelle ancora oggi, on esistono misurazioni rilevabili al catasto, dovete misurarle con la squadretta e riportarli sui luoghi, potreste chiedere le coordinate al catasto, che li rilascerà ufficialmente, ma non si allontanano per qualità e precisione a quelle rilevabili graficamente.

Con l'andare degli anni, le particelle madri sono state variate dai così detti Tipi che si distinguono in Tipo di Frazionamento se si è semplicemente frazionato in varie particelle derivate, o Tipo Mappale se su quel lotto è stato inserito un fabbricato, portando una, più particelle fuse o una sola porzione, in una sola particella al Catasto Fabbricati. In entrambi i Tipi sono state introdotte dai tecnici privati liberi professionisti, delle linee dividendi con specifiche misure, variabili nella metodologia a seconda dell'epoca in cui sono stati presentati al catasto, sino al 1988 con allineamenti, dal 1989 (salvo alcune deroghe) con strumentazione tacheometrica basata su appoggi a Punti Fiduciali. Dopo aver fatto una visura storica meccanizzata, vedere se la vostra particella è stata interessata da Tipi se sono dal 1989 potrete chiedere il Libretto delle Misure, li troverete le misure dei nuovi confini rapportati a Punti Fiduciali.  Per i vecchi tipi, o in ogni caso se vi interessa,  basterà recarsi al catasto, in sala visure tradizionali terreni, e chiedere una copia ufficiale del Tipo di Frazionamento o del Tipo Mappale di vostro interesse.

Per conoscenza dovete anche sapere che alcune dividenti, quindi nuovi confini di lotto, possono essere state apportate direttamente dal catasto che, durante le verifiche periodiche, accertando che una determinata particella abbia cambiato in parte coltura agricola, l'hanno frazionata per cambiarne la coltura. In questo caso bisognerà rintracciare la pratica della verifica periodica fatta dal catasto.